Categorie
Eventi

Festival dell’Arte Spaccata 2024

Mercato della Formazione 

FESTIVAL DELL'ARTE SPACCATA
IV Edizione

CORTI TEATRALI | ESPOSIZIONE DI ARTE VISIVA E AUDIOVISIVA | CONCERTI | POETRY SLAM | PERFORMANCE

a cura di Macedonia Teatro

EX MERCATO TORRESPACCATA
17 – 18 -19 maggio 2024, dalle ore 19:30
Anche quest’anno è arrivato… il Festival dell’Arte Spaccata! Tante novità e tante tradizioni per questa quarta edizione
COS’È?
Il Festival dell’Arte Spaccata è un festival multidisciplinare che articola in tre giornate di teatro, arte visiva, musica, cinema, performance e stand up comedy.
Il Festival ospita al suo interno il concorso di corti teatrali Teatro Spaccato, per il Mercato della Formazione che mette a disposizione alle compagnia finaliste tre residenze artistiche all’interno dello spazio culturale Ex Mercato di Torre Spaccata, e la possibilità di incontrare il pubblico in un esito performativo a Luglio 2024. 

Programma del Festival 

APERTURA ORE 19:30 
VENERDÌ 17 maggio  
Ore 19.30 | Concorso TEATRO SPACCATO
Collettivo RadicAmare – La sartoria  
Genny Santin Nalin
– Afasia  
Boarino/Sighinolfi
– Variazioni su un paio di calze blu 
 
APERTURA SERATA: 
INFODEMIA – performance a cura di Laura De Carolis, Fondatrice del Collettivo Sensoriale con @laurafraw 
APERTURA CONCERTO a cura di Marta de Medici 
 
Ore 21:30 
Trash and Cleaners – il concerto |
uno spettacolo della Marlon Banda
con Enrico Marconi e Piero Ricciardi | tecnica Giulio Maschio 

Trash and Cleaners 
Un concerto rock tutto riciclato! Tom e Toni sono due addetti alle pulizie e i loro strumenti nascono da un mucchio di rifiuti e dai loro attrezzi. 
Un duo eccentrico che tra chitarre distorte e gag assurde vi farà zompare e divertire. "Trash and Cleaners" è uno spettacolo della "Marlon Banda" con Enrico Marconi e Piero Ricciardi, tecnica Giulio Maschio. 

SABATO 18 maggio 

Ore 19.30 | Concorso TEATRO SPACCATO 
Martina Cavazzana
– Ri-mediare un corpo fallace 
Andreea Elena Gabara – Inner Spaces
Kumpania – Robbery for Dummies 

Ore 21:30 
CHE FICO! 
Open mic di Stand Up Comedy 
M.C. Andrea Mammarella | Fabio De Stefano 

CHE FICO! 
Un evento di Stand Up Comedy che assume la classica forma dell'Open Mic.  I/le comedian si alterneranno sul palco portando un loro pezzo comico, senza peli sulla lingua, dalla durata di dieci minuti. Una comicità basata sulle esperienze personali che diventano collettive, che riporta una visione comica del contemporaneo, con le sue ipocrisie e imperfezioni. 

DOMENICA 19 maggio  

Ore 19.30 | Concorso TEATRO SPACCATO 
Collettivo Il Nido – 
Da quali stelle siamo caduti? 
Edilizie Teatrali – Bufaloni 
Vudusì – Ho visto Nina Volare

Ore 21.30 
Bulla eAlish
 
di Martina Bonati e Laura Petrone 
 
APERTURA CONCERTO: Mal(u)amore a cura di Erica Galante 

Bulla eAlish 
Bulla eAlish è un progetto che nasce dall'esigenza intrinseca delle due artiste Martina Bonati e Laura Petrone, di esplorare la discografia di una delle popstar più riconosciute e influenti del nostro secolo.
Dunque, per diletto e non perditempo, porteremo in scena sette sinfonie composte dell'artista Billie Eilish e Finneas O'Connor.  

Trash and Cleaners 
Un concerto rock tutto riciclato! Tom e Toni sono due addetti alle pulizie e i loro strumenti nascono da un mucchio di rifiuti e dai loro attrezzi. 
Un duo eccentrico che tra chitarre distorte e gag assurde vi farà zompare e divertire.
"Trash and Cleaners" è uno spettacolo della "Marlon Banda" con Enrico Marconi e Piero Ricciardi, tecnica Giulio Maschio. 

CHE FICO! 
Un evento di Stand Up Comedy che assume la classica forma dell'Open Mic.  I/le comedian si alterneranno sul palco portando un loro pezzo comico, senza peli sulla lingua, dalla durata di dieci minuti. Una comicità basata sulle esperienze personali che diventano collettive, che riporta una visione comica del contemporaneo, con le sue ipocrisie e imperfezioni. 

Bulla eAlish 
Bulla eAlish è un progetto che nasce dall'esigenza intrinseca delle due artiste Martina Bonati e Laura Petrone, di esplorare la discografia di una delle popstar più riconosciute e influenti del nostro secolo.
Dunque, per diletto e non perditempo, porteremo in scena sette sinfonie composte dell'artista Billie Eilish e Finneas O'Connor.  

MOSTRE E INSTALLAZIONI PERMANENTI PER LE TRE SERATE: 
INFODEMIA

Performance a cura di Laura De Carolis, Fondatrice del Collettivo Sensoriale con @laurafraw 

É possibile ridurre il rischio di andare alla deriva in un mare di dati che pregiudicano la nostra capacità di recepire, selezionare e comprendere gli stimoli? Nell’epoca dell’infodemia e della guerra cognitiva è diventato più che mai indispensabile dirigersi verso un’ ecologia della mente. L’invito è quello di considerare la mente non come un’entità isolata, ma come parte integrante di un ecosistema più ampio.
DIREZIONE ARTISTICA E COREOGRAFIA: Laura De Carolis, Fondatrice del Collettivo Sensoriale
DANZATRICE: @laurafraw

Birds are not allowed to cross the border

di Paola Favoino con Giovanna Zanchetta, Andrea Milano e le musiche di Ermanno Baron 

Performance di fotografia danzata: “Birds are not allowed to cross the border“, da un progetto fotografico di Paola Favoino, con la danza di Giovanna Zanchetta, la musica originale di Ermanno Baron e il coordinamento drammaturgico del poeta Andrea Milano

PSYCHO ACT SHOWING 

Installazione cinematografica permanente e proiezione in anteprima a cura di Broken Spirits Production. Incontro e spazio di dialogo con la Broken Spirits Production

Un ragazzo fa una passeggiata. Si prepara un sandwich e lo mangia. Poi guarda la TV mentre si sdraia sul divano. Forse dovresti smettere di fissarlo. 

«Aveva ridotto a brandelli la mia anima» 

Lui resta in piedi tra i fiori rosso sangue nelle nubi azzurre scuro della sera 
mostra di Mila Damato 

-93- Carte d’artisti Frammenti sull’arte
Edvard Munch:
«Io cammino lungo un sentiero stretto.
Da un lato un precipizio scosceso, un abisso dal fondo senza fine, un fondo di profondità abissale. Dall’altro i prati, le montagne, le case, la gente. Io cammino e vacillo su quel crinale. […]
Quella è la mia via, devo percorrerla. Resto in allerta per paura di cadere. Ancora mi protendo verso la via e la gente, ma devo ritornare sul sentiero lungo il precipizio. È il mio sentiero, fino a quando precipiterò nell’abisso.»
Immaginate di entrare
nella pancia di un cetaceo
di sognare di una notte
passata tra le onde del mare
Sono affamata di luce
ma nelle tenebre mi rifugio
è casa mia
Sono la mia saliva
il sale dell’incubo
ogni volta che penso a quanto è stato doloroso perdere me stessa
Mi sono persa tra le fiamme
e ho urlato nel freddo del mio cuore
Questa morsa è la mia mostra
la galassia da cui tutto ha origine
Questo buco nero
Questo abisso di fuoco
è liberamente ispirato al testo
«L’uomo nato senza un pezzo d’anima
Di vuoti, di viaggi e di vertigini»
di Alessandro Marasca
Random Access Memories 

mostra di Ra-tô-ghè-ton a cura di Michela Califano 

UNI-VERS-ELLE 

mostra di Chiara Ferlito 

Ciao, mi presento sono Chiara. Nel mio tempo libero mi piace scrivere e dipingere parole, perché mi rilassa, perché dilata e distende la mia anima. Quando ho cercato una parola che rappresentasse i miei lavori ho pensato subito ad UNI-VERS-ELLE. Nel senso di universale ma anche di uniti verso di lei, verso quel mondo femminile sempre troppo stilizzato. Un mondo o meglio un universo con diverse sfaccettature. 

Ingresso gratuito con tessera associativa 2024 (5€), bar aperto per spritz e panini, chiacchiere e allegria! 

Disegno di locandina di Mila Damato 
Locandina di Ra-tô-ghè-ton 

Il progetto, promosso da Roma Capitale – Assessorato alla Cultura, è vincitore dell’Avviso Pubblico, curato dal Dipartimento Attività Culturali, per il reperimento di progetti per la concessione di contributi destinati a sale teatrali private con capienza inferiore a 100 posti, per progetti di ricerca e sperimentazione per la Stagione 2023/2024. 
Culture Roma 

Macedonia Teatro
MACEDONIA TEATRO 
Direzione artistica 
Mary Scicolone 327.019.0649 
Ilaria Bisozzi 347.327.2574 

organizzazione@macedoniateatro.it 

Mobilità sostenibile:
EX MERCATO TORRESPACCATA 
Via Filippo Tacconi, 11 – 00169 Roma
Ingresso Viale dei Romanisti, 43 

Metro C fermata Torrespaccata (da metro A San Giovanni)
Bus 557 fermata Romanisti Cicconetti (da metro A Subaugusta)
Bus 213 fermata Romanisti/Torrespaccata (da metro A Cinecittà)
Bus 552 fermata Romanisti/Torrespaccata (da Policlinico/Tor Vergata)

CONTATTI: 
organizzazione@asscalpurnia.it
organizzazione@macedoniateatro.it 
+39 347 3272574 / +39 327 0190649 

Categorie
Ex Mercato Torrespaccata

Festival dell’Arte Spaccata 2024

Mercato della Formazione 

FESTIVAL DELL'ARTE SPACCATA
IV Edizione

CORTI TEATRALI | ESPOSIZIONE DI ARTE VISIVA E AUDIOVISIVA | CONCERTI | POETRY SLAM | PERFORMANCE

a cura di Macedonia Teatro

EX MERCATO TORRESPACCATA
17 – 18 -19 maggio 2024, dalle ore 19:30
Dopo tanta attesa, anche quest’anno è arrivato uno dei nostri momenti preferiti dell’anno: il Festival dell’Arte Spaccata a cura di Macedonia Teatro, che giunge quest’anno alla sua IV edizione! 
E come ben sapete questo significa alcune cose:
 
1. Dal 17 al 19 maggio tre serate di corti teatrali per il concorso Teatro Spaccato, musica, stand up comedy, danza, cinema, installazioni e performance all’Ex Mercato di Torre Spaccata dalle ore 19:30! 
 

2. Da qui al 17 maggio non avrete tregua perché… Dovete venì al Festival

3. Ci sarà lo spritz e i panini di Valerio del Chiosco 33 Giri. 

4. Rosario Bova, in arte Ra-tô-ghè-ton, ha fatto una locandina pazzesca come sempre con un altro disegno pazzesco, come sempre, di Mila Damato

5. Tommie Qubla, ormai totalmente irrinunciabile, sarà con noi per le tre serate, e questo ci sembra già un buon motivo per venire.

6. Macedonia Teatro presenterà e sbaglierà sistematicamente i nomi di tuttə voi. 

7. L’ingresso sarà gratuito con la sola tessera associativa (5 €) valida poi per tutte le serate, per tutto l’anno! 

8. Si esibirà una fracca di gente, quindi ricondividete, spammate, parlatene, venite! Oppure no, come sempre, solo se vi va. 

Ingresso gratuito con tessera associativa (5€), bar aperto per spritz e panini, chiacchiere e allegria! 

Disegno di locandina di Mila Damato 
Locandina di Ra-tô-ghè-ton  

Il progetto, promosso da Roma Capitale – Assessorato alla Cultura, è vincitore dell’Avviso Pubblico, curato dal Dipartimento Attività Culturali, per il reperimento di progetti per la concessione di contributi destinati a sale teatrali private con capienza inferiore a 100 posti, per progetti di ricerca e sperimentazione per la Stagione 2023/2024. 
Culture Roma 

Macedonia Teatro
MACEDONIA TEATRO 
Direzione artistica 
Mary Scicolone 327.019.0649 
Ilaria Bisozzi 347.327.2574 

organizzazione@macedoniateatro.it 

Mobilità sostenibile:
EX MERCATO TORRESPACCATA 
Via Filippo Tacconi, 11 – 00169 Roma
Ingresso Viale dei Romanisti, 43 

Metro C fermata Torrespaccata (da metro A San Giovanni)
Bus 557 fermata Romanisti Cicconetti (da metro A Subaugusta)
Bus 213 fermata Romanisti/Torrespaccata (da metro A Cinecittà)
Bus 552 fermata Romanisti/Torrespaccata (da Policlinico/Tor Vergata)

CONTATTI: 
organizzazione@asscalpurnia.it
organizzazione@macedoniateatro.it 
+39 347 3272574 / +39 327 0190649 

Categorie
Eventi

Questa Macedonia diventa un Frullato

Spacco l’Arte 

QUESTA MACEDONIA DIVENTA
UN FRULLATO 

Sabato 16 dicembre 2023, dalle 21:00 
Un evento fruttato frullato di Macedonia Teatro, all’Ex Mercato di Torrespaccata
 
Dalle 21:00 vi aspettiamo per festeggiare insieme la chiusura dell’anno, il nostro natale fruttato, l’inizio dell’anno nuovo e un po’ quello che ve pare. 
 
Se beve (ma venite già mangiatə), se canta, se ride e se piagne, se fa l’albero e si sta insieme.
 
Porta un addobbo per il nostro albero di non-natale!
L’addobbo più bello non vincerà niente.
 
Il nostro frullato è aperto (anche se è la festa di chiusura) a live painting, poesie, peffomans, canzoni e proposte!
Locandina di Ra-tô-ghè-ton
Ingresso con tessera associativa 2023 (1€) e contributo specifico (2€).

Grazie a tutti, vi aspettiamo!!! 

Scopri i frutti della Macedonia » 
Categorie
Eventi

Festival dell’Arte Spaccata 2023

Festival dell’Arte Spaccata 2023 

III Edizione 

Realizzato con il gratuito patrocinio del VII MUNICIPIO 

14 – 15 – 16 Aprile 2023 
Apertura H 19:45 

EX MERCATO DI TORRE SPACCATA 

CORTI TEATRALI | ESPOSIZIONE DI ARTE VISIVA E AUDIOVISIVA | CONCERTI | POETRY SLAM | PERFORMANCE

Ariecchecce per la terza edizione del Festival dell’Arte Spaccata

Il 14 – 15 – 16 aprile, dalle ore 19:45 l’Ex Mercato di Torre Spaccata apre le porte per tre serate all’insegna del teatro, la musica, la poesia, la pittura e lo spritz!

Un momento di incontro per giovani artistǝ under35 organizzato e diretto da Macedonia Teatro in collaborazione con l’Associazione Culturale Calpurnia, presso l’Ex Mercato di Torre Spaccata (via Filippo Tacconi, 11 – angolo Via dei Romanisti). 

Il concorso Teatro Spaccato ospita un florilegio di corti teatrali di artistə under 35, precedentemente selezionati tramite bando. Il concorso, che vuole essere prima di tutto un’occasione di incontro e di scambio, mette in palio ore di residenza artistica per i tre corti finalisti, selezionati da una giuria esperta e eterogenea. 

Per tutta la durata del Festival ci sarà un’Esposizione di Arte Visiva e Audiovisiva con le opere delle/degli artiste/i: Broken Spirits Production,  Mila Damato, EMM,  Ra-tô-ghè-ton, Lorenzo Urzia. 

Programma del Festival:
VENERDÌ 14 aprile  

H 20:30 CORTI TEATRALI
Ostinato Essere – Spartenza Teatro
Splinter – Orfeo Emerso  
Ricucire – Immersus Emergo 
Ri|Creazioni – Addari/D’Antonio 

H 22:00
Exploit Semplice
di Martina Bonati 

SABATO 15 aprile

Apre la serata: Viola Margaglio

H 20:30 CORTI TEATRALI
Carne in Scatola
– Pappagalli in trappola  
Sulla Luna – Fuori Contesto  
X + Y – Senza Titolo 

H 22:00 – Spakk the Poetry!
Poetry slam, sfida di poesia performativa in cui è il pubblico a votare.
MC Viola Margaglio 

DOMENICA 16 aprile

Aprono la serata: Marta De Medici e Aurora Scarici 

H 20:30 CORTI TEATRALI
Sala Var _ Tutto in undici secondi
– Stefano Ferrara  
Cassandra – Gruppo MAGMA 
Due dei tanti (banalité de la merde) – Davide Giordano  
SCUSA – Jacopo Dragonetti  

H 22:00 
Nýx di Ra-tô-ghè-ton 

VENERDÌ 14 aprile  

H 20:30 CORTI TEATRALI
Ostinato Essere – Spartenza Teatro
Splinter – Orfeo Emerso  
Ricucire – Immersus Emergo 
Ri|Creazioni – Addari/D’Antonio 

H 22:00
Exploit Semplice
di Martina Bonati 

SABATO 15 aprile

Apre la serata: Viola Margaglio

H 20:30 CORTI TEATRALI
Carne in Scatola
– Pappagalli in trappola  
Sulla Luna – Fuori Contesto  
X + Y – Senza Titolo 

H 22:00 – Spakk the Poetry!
Poetry slam, sfida di poesia performativa in cui è il pubblico a votare.
MC Viola Margaglio 

DOMENICA 16 aprile

Aprono la serata: Marta De Medici e Aurora Scarici 

H 20:30 CORTI TEATRALI
Sala Var _ Tutto in undici secondi
– Stefano Ferrara  
Cassandra – Gruppo MAGMA 
Due dei tanti (banalité de la merde) – Davide Giordano  
SCUSA – Jacopo Dragonetti  

H 22:00 
Nýx di Ra-tô-ghè-ton 

Scopri di più sul Festival » 
Ingresso con tessera associativa annuale 2023 Ex Mercato Officina della Cultura (5€) + contributo specifico 5€ a serata / 12€ per le tre serate 

Vi aspettiamo!!! 

Disegno di locandina di Mila Damato 
Locandina di Ra-tô-ghè-ton 

Categorie
Eventi

CAPODANANAS

Spacco l’Arte 

CAPODANANAS 

Venerdì 10 febbraio 2023, dalle 20:00  

Venerdì 10 febbraio 2023, dalle 20:00, ci sarà il primo evento dell’anno della rassegna di Macedonia Teatro, “Spacco l’Arte“.

Vi aspettiamo a porte aperte all’Ex Mercato di Torre Spaccata per condividere con voi una serata di… 
 
LIVE PAINTING 
 
PERFOMANANAS – con Paolo Perrone e Erica Galante 
 
H 21.15 | Perfomance di Personae – con Annachiara Vispi e Giulia Macrì 
 
H 22 | OPEN MIC 
 
Prenotazioni aperte per partecipare al live painting per esibirti all’open mic.
Potete mandare una mail a organizzazione@macedoniateatro.it;
oppure in DM sui profili facebook e instagram di Macedonia Teatro,
oppure scrivendo su whatsapp +39 3473272574  |  +39 3270190649
 
Macedonia Teatro racconta: “Il nostro personale e anacronistico (o ananascronistico?) capodanno si avvicina! Vogliamo ricordarci che è sempre un buon momento per iniziare ciò che desideriamo. O a volte non lo è, ma possiamo aspettare insieme“.
 
Locandina di Ra-tô-ghè-ton 
L’evento è organizzato in rispetto delle misure anticovid.
Ingresso con tessera associativa 2023 (5€) e contributo specifico (3€).

Grazie a tutti, vi aspettiamo!!! 

Scopri i frutti della Macedonia » 
Categorie
Eventi

TUTTO E NIENTE

Una produzione di Associazione Culturale Calpurnia 
Uno spettacolo di Macedonia Teatro 

TUTTO E NIENTE 

Sabato 10 dicembre 2022, ore 21:00 

Con Mary Scicolone 
Direzione e Parole di Ilaria Bisozzi 
Musiche originali di Matteo Tarragoni 
Locandina di Ra-tô-ghè-ton 

Un aereo per la Sicilia, per tornare qualche giorno a trovare i genitori. Un treno per l’aeroporto che va nella direzione sbagliata, come fa la vita qualche volta. 
Una corsa contro il tempo per non doversi fermare, per non perdere un aereo, per non perdere i soldi, per non perdere il taxi e il baccalà di papà, per non fermarsi, per non fallire. Un viaggio nelle strade assolate di Roma in un pomeriggio di Agosto e un viaggio nei sentieri contorti delle nostre complesse banalissime menti. 

Dobbiamo correre. Essere sempre al posto giusto al momento giusto. Essere sempre dappertutto, perché poi chi lo sa qual è il posto giusto e il momento giusto. 
Le occasioni potrebbero essere sempre dietro l’angolo, e non possiamo rischiare di camminare in cerchio.
E allora corriamo, nella direzione giusta ma anche in quella opposta, perché fermarsi è un rischio troppo grande. Corriamo per non sentire il vuoto, il silenzio, la paura. Riempiamo il tempo di parole inutili, di musica troppo alta, di pensieri troppo veloci, di persone che conoscono sempre meglio di noi la ricetta della vita. 
Corriamo perché tutto corre, e noi non possiamo stare fermǝ a guardare, neanche un minuto. Corriamo per darci l’illusione di esistere e che tutto abbia un senso. Ci aggrappiamo ai segni, alle fantasie, alle parole di un tassita romano in un pomeriggio d’estate.
Nutriamo i nostri sogni di onnipotenza, perché se dio non esiste qualcunǝ deve pur prendere in mano la situazione. 

E chissà, forse quel qualcunǝ non siamo noi. 

Info e prenotazioni: 
postoriservato@macedoniateatro.it 
whatsapp 347.327.2574 (Ilaria)  |  telefono 327.019.0649 (Mary) 

Ingresso con tessera associativa 2022 (3€) e contributo specifico (10€). 
Dopo lo spettacolo si mangia, si beve, si brinda, si chiacchiera e si ascolta la musica in Sala Agorà! 
L’evento è organizzato in rispetto delle misure anticovid. 

Grazie a tutti, vi aspettiamo!!! Restate aggiornati sulla nostra pagina fb

Categorie
Eventi

ME LO CANTO e MELOGRANO

Spacco l’Arte 

ME LO CANTO e MELOGRANO  

Venerdì 11 novembre 2022, ore 20:30

L’Ex Mercato di Torrespaccata apre le porte per tante cose belle! “Le peffomans un po’ ovunque!” 

Un mega open mic nella Sala Melies! 

Musica, stand up, slam poetry, monologhi… 

Il live painting nella Sala Agorà! 

Macedonia Teatro racconta: “Sempre grazie a Ra-tô-ghè-ton per la locandina meravigliosa e all’indispensabile supporto tecnico di Tommie Qubla. E all’Associazione Culturale Calpurnia senza cui nulla sarebbe possibile“. 

Per esibirti all’open mic, puoi mandare una mail a organizzazione@macedoniateatro.it; oppure contatta Macedonia Teatro sui suoi profili facebook e instagram

L’evento è organizzato in rispetto delle misure anticovid.
Ingresso con tessera associativa 2022 (3€) e contributo specifico (3€).

Grazie a tutti, vi aspettiamo!!! 

Scopri i frutti della Macedonia » 

ME LO CANTO e MELOGRANO

Grazie a tutti per aver partecipato all’evento!

Restate aggiornati sulla nostra pagina fb

Categorie
Notizie

EssereMateria

EssereMateria 

Un grande contenitore di libera sperimentazione 

di Alfonso Gallo 

Il 28 ed il 29 Ottobre 2022, dalle ore 19:00, sarà possibile assistere presso l’Ex Mercato di Torre Spaccata a due giornate dedicate al dialogo tra danza e fotografia. L’evento è organizzato da “Collettivo Overlimbs“, “Gruppo creativo Peloponneso” ed “Ex Mercato Torre Spaccata, Officina della Cultura“. 

Le due figure principali di questo Open studio sono Giovanna Zanchetta, artista, danzatrice e performer, e Rosario Bova, presidente del “Gruppo creativo Peloponneso” ed anche lui artista. 

Ho avuto il piacere di poter assistere alle prove presso il luogo dell’evento, un luogo evocativo che rappresenta una vera e propria collezione d’arte, un punto di riferimento per il quartiere di Torre Spaccata, e al medesimo tempo di poter parlare di questo magico posto insieme a Marco Marinelli, presidente dell’Associazione Culturale Calpurnia

Marco Marinelli riporta qualche cenno storico del posto, racconta cos’era questo luogo prima dell’arrivo dell’associazione, racconta che era un vero e proprio mercato abbandonato e trasformato in quello che oggi possiamo vedere, un luogo così ricco di cultura e con un così forte impatto sociale. Marinelli mi spiega che il motivo per cui l’Ex Mercato è così importante per la città di Roma, risiede nel fatto che è libero e non ci sono consensi, e a proposito della situazione attuale del teatro in Italia, egli afferma che il teatro non esiste più se non quello dei consensi, se hai il consenso il teatro esiste ma se non hai il consenso, a quel punto non possiedi più i riflettori accesi. Sottolinea inoltre come il teatro, almeno in Italia, non sia mai infondo esistito per tutti ma per un èlite, ed a proposito dello spazio teatrale, egli afferma come non serve lo spazio in quanto lo spazio stesso è finto, il teatro infatti lo dobbiamo fare noi, anche per strada. 

Ci tiene infine a sottolineare come sia difficile spiegare tutto ciò in questo preciso periodo storico. Quando gli chiedo cosa sia per lui il teatro, Marinelli afferma che per egli il teatro è vedere ciò che lui non ha visto. Queste che Marco Marinelli ci ha donato, sono delle vere e proprie riflessioni sulle quali soffermarsi e riflettere concretamente. 

EssereMateria” è il titolo delle due giornate, e per Giovanna Zanchetta “essere materia” equivale ad un grande contenitore di sperimentazioni. Per Rosario Bova, “essere” equivale a ciò che noi siamo, mentre “materia” equivale a tutto ciò che è intorno a noi.

Rosario mi spiega come l’obiettivo fosse proprio quello di materializzare l’essere della danza con un qualcosa di materiale come la fotografia. Egli afferma che fotografare equivale a materializzare un’emozione, un’espressione, uno sguardo, un attimo.

Ho intervistato Giovanna dopo un lungo pomeriggio di prove, durante l’intervista mi racconta che all’inizio del progetto ci si è chiesto quali parole potessero contenere questa idea di grande contenitore, che potessero rappresentarla nella maniera più fedele, ma queste parole dovevano anche rappresentare allo stesso tempo l’essenza e la necessità di questo evento. 

Tutto nasce infatti da una necessità quasi esistenziale di trovare un punto di libera sperimentazione e soprattutto di condivisione con il pubblico. Giovanna racconta inoltre che l’intenzione non è stata quella di organizzare delle serate semplicemente performative, ma un luogo in cui lo spettatore si senta libero di fruire ed è lui stesso creatore in quanto fruitore. 

Era quindi arrivato il momento di condividere queste esperienze che vengono portate avanti da diversi mesi in sala così come all’esterno.

È lecito chiedersi a questo punto cosa significhino per la danzatrice le parole essere e la parola materia: “Essere perché è un qualcosa che fa parte del nostro essere, noi come danzatori, come performer, come fotografi, come organizzatori. Materia perché si tratta di qualcosa di materiale, quello che si va a cercare è qualcosa di estremamente materiale”.

All’interno di tutto ciò si intreccia il rapporto con la fotografia. Ricordo infatti che le due giornate si caratterizzano per questo rapporto fra danza e fotografia. Questo dialogo nasce per poter rendere materiale ed immortale il prodotto della danza che è materiale, ma allo stesso tempo invisibile. 

Come renderla materiale indipendentemente dal tempo? Giovanna afferma che la fotografia è un mezzo e chiaramente non è un mezzo fedele alla danza in sé e per sé, ma ne crea un prodotto ulteriore, ed è questo ciò che affascina la danzatrice ed il suo gruppo, ovvero il possibile dialogo tra questi due mondi che non sono assolutamente separati ma si contaminano costantemente.

Anche per un danzatore vedere come può evolvere quella che è stata la sua arte in un’altra arte è qualcosa di veramente magico. All’interno di una società che cammina in maniera sempre più spedita è naturale chiedersi quale sia l’impatto di due arti come queste. Per Giovanna, oggi la fotografia ha un’influenza potentissima in quanto con l’avvento dei social media noi viviamo di immagini e di fotografie, inoltre parliamo attraverso le fotografie, però questo è un tipo di fotografia.

Giovanna così come anche Rosario, mi spiegano infatti che la fotografia che loro cercano è un’arte e quindi è chiaro che come tutte le altre arti possiede un’influenza su chi vuole essere influenzato da essa e non è possibile trovarla per esempio su un social network come Instagram, e nel caso in cui su Instagram fosse possibile trovarla, non possiede la stesso impatto e non equivale ad avere la stessa esperienza di possedere una fotografia davanti ai propri occhi. 

Questo dialogo non è l’unico tema delle due giornate, intrecciato ad esso vi è il concetto di evolvere, una vera e propria chiave condivisa da danzatori e fotografi, il leitmotiv del percorso. Il concetto di evolvere, spiega sempre Giovanna, è ciò che più rappresentava lei ed il gruppo. Rosario, per esempio, crede che evolvere sia l’istinto primario dell’uomo ed evidenzia come noi esseri umani, in quanto tali, siamo fatti per evolverci e non solo a livello scientifico, ma anche a livello psicologico ed artistico. 

Vedremo infatti nelle varie performances come i corpi stessi delle danzatrici e dei danzatori attraverso la danza si trasformino, ciò è necessario. Essere qualcos’altro, essere qualcun altro. 

Foto di Luca Guido 

Foto di Luca Guido 

I protagonisti di questa iniziativa condividono la stessa fervente passione per il teatro, una passione che permette loro di avere una lucida visione del teatro odierno, della situazione nella quale versa, delle sue criticità e dei suoi pregi. 

Giovanna soprattutto mette in evidenza i vari problemi del settore teatrale italiano secondo il suo punto di vista: la tendenza a porre etichette che si scontra con l’odierna multidisciplinarietà che sempre di più viene richiesta, quindi separare teatro e danza, non è efficace.

Un’altra problematica riguarda la qualità. Giovanna precisa che mettere in luce un problema legato alla qualità non vuol dire che all’interno del panorama italiano non vi siano prodotti di qualità, anzi ve ne sono molti secondo la danzatrice, il vero problema è che rimangono in una nicchia, questo non aiuta il settore teatrale.

Il teatro, come sappiamo, è fondamentale all’interno di una società, lo è stato per Rosario, al quale ha insegnato a liberarsi di qualcosa che teneva dentro e lo ha aiutato ad esprimersi, ecco perché è fondamentale dar ascolto a voci come quella di Giovanna che da giovane artista emana un grido d’allarme per una situazione che deve cambiare e che mette in evidenza come non ci sia più tempo da perdere.

Detto ciò, non mi resta che invitarvi a vivere queste due bellissime serate in maniera piena in compagnia di Giovanna, Rosario, e tutto il gruppo che da tempo lavora affinché voi pubblico possiate vivere momenti di forte impatto e autentica bellezza. 

Un ultimo aspetto da ricordare, che non è di minore importanza e che caratterizza ancor di più la performance di ogni ballerina/o in scena, è la presenza di Luca Guido, il quale fotograferà danzatrici e danzatori durante la loro esibizione.

Ad esibirsi nell’arco delle due serate saranno quindi Giovanna Zanchetta, Rossana Abritta, Pierpaolo Scida, Denise Gioia, Sara Buonomini, Michela Califano, Bianca Macerini, Edoardo Camilletti.

Figure essenziali di questo progetto sono allo stesso tempo i fotografi Roberta Ungaro, Francesco Marcucci, Simona Silvestri, Bianca Macerini, Elisa Iasi, Luca Guido ed il videomaker Leonardo Marziali

Non mi resta che rinnovare l’invito ad essere presenti a questo travolgente evento pensato per voi pubblico che siete fruitori ed allo stesso tempo creatori, vi aspettiamo! 

Articolo di Alfonso Gallo

L’evento è organizzato in rispetto delle misure anticovid. 
Ingresso con biglietto: 10€ (3€ tessera associativa 2022 + 7€ contributo artisti). 

Il biglietto è valido per l’intera serata a cui sarà possibile accedere a qualsiasi orario.
È gradita la prenotazione. 

Per info e prenotazioni: overlimbs@gmail.com 

Grazie a tutti, vi aspettiamo!!! 

Categorie
Eventi

EssereMateria

EssereMateria 

Evolvere 

Venerdì 28 ottobre e sabato 29 ottobre 2022 
dalle 19:00 

Open Studio. Sperimentazione su possibili dialoghi tra fotografia e danza. Attraverso un’esperienza poliedrica, lo spettatore assisterà alla creazione di un prodotto estemporaneo della danza e a seguire quello riproducibile della fotografia di danza. Nel medesimo spazio e nel medesimo tempo verrà resa fruibile la visione di un singolo evento da due focus diversi: dello spettatore e del fotografo, il primo esterno e grandangolare, il secondo intimo e specifico, ottenuto attraverso la condivisione dello spazio con il performer. 

Qual è il tema della serata? 
Evolvere” sarà il concept a partire da cui ogni artista svilupperà il proprio lavoro. 

Cosa succederà?
Nell’arco delle due serate si susseguiranno le performances degli artisti in diversi spazi dell’Ex Mercato di Torre Spaccata, alle quali lo spettatore potrà fruire liberamente, spostandosi nei vari luoghi.

Sarà possibile visionare il prodotto fotografico della serata e successivamente sarà visibile completo di post-produzione online sui canali social di “Collettivo Overlimbs” (IG: @overlimbs, YT: Over Limbs). 

In più sarà allestita una mostra fotografica, un primo studio sulla fotografia analogica di danza di Simona Silvestri

Durante la serata ci sarà un servizio food&beverage. 

Qual è il programma?
h 19.00: Start evento: presentazione e aperitivo offerto 
h 19.30: Prima performance 
h 20.00: Seconda performance 
h 20.30: Terza performance 
h 21.00: Quarta performance 
h 21.30 in poi: Dj set con Ra-tô-ghè-ton 
Biglietti: 10€ (3€ tessera associativa + 7€ contributo artisti)
Il biglietto è valido per l’intera serata a cui sarà possibile accedere a qualsiasi orario. 
È gradita la prenotazione.
Per info e prenotazioni: overlimbs@gmail.com 
 
L’evento è organizzato in rispetto delle misure anticovid. 
Ingresso con biglietto: 10€ (3€ tessera associativa 2022 + 7€ contributo artisti). 

Il biglietto è valido per l’intera serata a cui sarà possibile accedere a qualsiasi orario.
È gradita la prenotazione. 

Per info e prenotazioni: overlimbs@gmail.com 

Grazie a tutti, vi aspettiamo!!!